SearchEsegui ricerca

Profilo

SCF è il consorzio che gestisce in Italia la raccolta e la distribuzione dei compensi, dovuti ad artisti e produttori discografici, per l’utilizzo in pubblico di musica registrata.

Profilo

Costituito nel 2000, con oltre 400 produttori discografici aderenti, il consorzio offre ai suoi oltre 110.000 clienti la possibilità di utilizzare e diffondere in pubblico le produzioni di etichette discografiche indipendenti e major internazionali, nel rispetto di quanto stabilito dalla legge sul diritto d’autore e dalle direttive dell’Unione Europea.

Il repertorio tutelato da SCF conta oltre 20 milioni di brani, che, con il recente ingresso tra i produttori iscritti di AFI, equivale alla quasi totalità del repertorio musicale nazionale e internazionale prodotto in Italia.
Rappresentando i diritti connessi delle più eterogenee realtà musicali, SCF da' valore alle singole diversità del mercato musicale, consentendo a tutte le imprese di ottenere una più agevole e tutelata diffusione delle proprie produzioni discografiche.

Dai piccoli negozi alle grandi aziende, tutti devono poter utilizzare e diffondere musica nei propri esercizi, giovando dei benefici che la riproduzione di musica di qualità può avere sull’efficacia delle attività di marketing. Con una semplice e unica licenza SCF vi da' la possibilità di attingere, nel rispetto della legalità, da un immenso bacino di musica di altissima qualità, appartenente al repertorio musicale di tutti i produttori rappresentati dal consorzio.

SCF è presente nell’elenco delle imprese che svolgono attività di intermediazione dei diritti connessi al diritto d’autore, pubblicato sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per l’informazione e l’editoria (http://www.governo.it/die/) ai sensi dell’art. 3 del D.P.C.M. 19 dicembre 2012 (“Individuazione, nell’interesse dei titolari aventi diritto, dei requisiti minimi necessari ad un razionale e corretto sviluppo del mercato degli intermediari dei diritti connessi al diritto d’autore di cui alla legge 22 aprile 1941, n. 633 e successive modificazioni”) e dunque risulta possedere i requisiti minimi per operare come ente di gestione collettiva dei diritti connessi.