SearchEsegui ricerca

Investing in music (IFPI - FIMI)

Lo studio IFPI - FIMI descrive come le case discografiche scoprono, alimentano e promuovono il talento.

Investing in music (IFPI - FIMI)
Notizie

La discografia è un settore a alto tasso di investimento in cui  lavorano molte persone competenti che contribuiscono a  portare al successo i progetti artistici.

Le case discografiche affiancano e sostengono gli artisti non solo dal punto di vista economico:

  • mettono a disposizione studi per realizzare  prove, registrazioni audio e produzioni video
  • definiscono strategie, elaborano contenuti per raccontare l’artista e la sua musica, utilizzando il canale giusto in base ai fan di riferimento
  • sviluppano le reti di distribuzione digitale che veicolano oltre 40 milioni di registrazioni e video
  • consentono ai creativi di concentrarsi sulla scrittura e sulla ricerca del sound grazie agli “anticipi”
  • in molti casi offrono supporto per i tour e cercano nuove opportunità di brand – partnership.

Ogni anno le case discografiche investono più di 1.7 miliardi di dollari in marketing e promozione. Gli sforzi di comunicazione si sono spostati progressivamente sui canali online che consentono di connettere direttamente gli artisti con i loro fan e questi con i servizi da cui possono accedere alla musica.

Lo streaming permette anche agli artisti locali di raggiungere un elevato numero di fan e questo fenomeno sta facendo aumentare gli investimenti  delle case discografiche nel repertorio locale.

Tutte queste risorse umane e finanziarie vengono ricompensate in proporzione alle royalty future (quindi solo dopo aver raggiunto un determinato livello di ricavi). Le aziende discografiche si assumono pertanto un notevole rischio, in un mercato molto competitivo.

Il valore della discografia

  • L’industria discografica mondiale investe in media ogni anno in ricerca, sviluppo e marketing circa 4,5 miliardi di dollari nonostante il declino dei ricavi durato 20 anni
  • Nel 2016 gli investimenti per scoprire, formare e promuovere gli artisti sono stati pari al 27% dei ricavi totali
  • Le infrastrutture per il mercato digitale consentono di servire più di 380 siti musicali nel mondo.

L’industria musicale, grazie alla digitalizzazione, è oggi in grado di raccogliere una quantità di informazioni sempre più dettagliate sul “dove”, “quando” e “come” gli utenti comprano e ascoltano musica. Questa attività di intelligence consente di acquisire informazioni da condividere con gli artisti sul “consumo” di musica e sui ricavi legati a queste attività

Fonte: "Investing in music 2016"

  • Sintesi IT (by FIMI)
  • Versione integrale EN (by IFPI)