Search Esegui ricerca

Liberalizzazioni dei diritti degli artisti: il tribunale di Roma rigetta le richieste di "Nuovo Imaie"

Si sbloccano le somme dovute agli artisti. Accolte le posizioni di "SCF" e "ItsRight".

Con un’ordinanza depositata in data odierna, il Giudice Giuseppe Cricenti della Nona Sezione del Tribunale Civile di Roma ha rigettato il ricorso di Nuovo Imaie nei confronti di SCF (Consorzio Fonografici) che rappresenta le case discografiche, e di ItsRight. Il ricorso  richiedeva il blocco di oltre 19 milioni di euro di diritti degli artisti, interpreti ed esecutori raccolti da SCF per gli anni 2012 e 2013.

“Siamo soddisfatti della decisione del giudice che ha accolto le nostre posizioni riconoscendo la legittimità delle azioni poste in essere da SCF e ItsRight, per dare attuazione alle liberalizzazioni nel settore degli artisti e sbloccando così le somme di competenza degli artisti interpreti – Ha dichiarato Enzo Mazza, Presidente SCF. Queste potranno quindi essere ripartite agli aventi diritto”.

SCF si era costituita con gli avvocati Alberto Pojaghi e Giorgio Floridia.

 

Scarica il comunicato stampa completo in versione PDF