SearchEsegui ricerca

In dettaglio

I diritti connessi discografici sono tutelati dalla legge sul diritto d'autore (L. 633/41 , per comodità LDA) che riconosce ad artisti interpreti ed esecutori e ai produttori fonografici un compenso in caso di pubblica diffusione delle registrazioni musicali (artt. 73 e 73bis, LDA), qualunque sia il mezzo utilizzato (radio , tv, cd, computer, lettori MP3).

La legge conferisce, inoltre (art. 72, lett. a) LDA) alle case discografiche il diritto esclusivo di autorizzare la duplicazione di tali registrazioni.

Ciò significa che solo il produttore discografico può dare autorizzazione a diffondere o duplicare le registrazioni di sua titolarità.

Il recente D.P.C.M. 19.12.12 (Pubblicato in G.U. n. 59  in data 11 marzo 2013) prevede i requisiti minimi necessari per le imprese che svolgono attività di intermediazione dei diritti connessi al diritto d’autore, come SCF e i relativi oneri di comunicazione.

SCF ha adempiuto a quanto previsto dal menzionato D.P.C.M. e figura nell'elenco delle imprese di intermediazione dei diritti connessi al diritto d’autore che hanno comunicato l’inizio dell’attività e che hanno ottemperato agli obblighi di comunicazione previsti dalla normativa, pubblicato sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l'Informazione e l'Editoria.