linkedin Ita  |  Eng

MENU

Advertising online e vendita di contenuti nel 2020

22 giugno 2021
Studi e ricerche

Secondo i dati dell’Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano, il riposizionamento sui canali digitali spinto dalla pandemia sta promuovendo gli investimenti online.

Image

La pubblicità su Internet chiude in leggera crescita anche nel 2020 (+4%) e arriva a rappresentare il 43% del valore della componente pubblicitaria nazionale, superando per la prima volta la leadership della Tv (41%). L'Internet advertising in Italia quest’anno raggiungerà quota 3,9 miliardi di euro (+14%).

Il calo di circa 700 milioni di euro registrato dal mercato pubblicitario italiano a fine 2020 (sceso a quota 7,9 miliardi di euro) ha riguardato soprattutto le componenti tradizionali: Tv, Radio, Stampa e Out Of Home.

Per quanto riguarda i formati, la Display Advertising vale il 64% dell'intero mercato, ha superato i 2,2 miliardi di euro (+6%) trainata dalla componente Video (+7%), nel 2021 è stimata una crescita del 14%.

La raccolta pubblicitaria sui motori di ricerca (Search Advertising) è cresciuta del 4% raggiungendo quota 955 milioni di euro nel 2020 (il 28% del totale investimenti) e quest'anno registrerà un incremento del 12%.

La crescita dell'Audio Advertising, a fronte di un mercato ancora ridotto (14 milioni di euro a fine 2020, +19% rispetto al 2019), è stata rallentata dalla pandemia, ma nel 2021 potrebbe registrare una forte crescita (+30%).

L'Addressable TV raccolta dai broadcaster (erogazione di spot pubblicitari personalizzati su televisori connessi alla rete a utenti segmentati su base geografica, demografica, comportamentale) è cresciuta del +51% raggiungendo 26 milioni di euro e nel 2021 si attende una crescita nello stesso ordine di grandezza.

Vendite di contenuti Media: Video, Musica e News

Nell'anno segnato dalla pandemia si è registrato un incremento generale nella fruizione di contenuti online da parte dei consumatori.

In Italia, il mercato complessivo delle vendite di contenuti Media nel 2020 è sceso a 6,6 miliardi di euro (-4% rispetto al 2019). La componente derivante da Internet è ancora marginale (9%, pari a 623 milioni), anche se ha registrato una crescita del 55% rispetto all'anno precedente.

Il 72% del mercato degli Internet Media a pagamento fa riferimento alla vendita di contenuti Video online, seguono i ricavi per gli abbonamenti a servizi musicali (19%) e i ricavi legati alle news (9%).

Anche nel 2020 sono stati i Video online (+67%) a trainare la crescita della componente premium, con un valore delle vendite pari a 447 milioni di euro.

Per quanto riguarda il mercato della musica in streaming, nel 2020 il valore è stato di 118 milioni (+32% rispetto al 2019).

L'aumento degli abbonamenti è stato trainato anche dall'ampliamento dell'offerta di contenuti podcast, che sempre più catturano l'interesse degli utenti.

Fonte: Osservatori.net

Richiesta di servizi in abbonamento in Italia e in Europa

La mobile bank N26 ha indagato quanto sia cambiato lo scenario dei servizi in abbonamento nel 2020.

Il 31% degli europei (e il 34% degli italiani) ha aumentato il numero di abbonamenti digitali sottoscritti rispetto all'inizio della pandemia. I consumatori europei si sono impegnati, in media, a sottoscrivere abbonamenti per un valore di 39 euro al mese, ovvero 465 euro all'anno.

La metà degli europei ha sottoscritto un abbonamento a un servizio di intrattenimento, che è di gran lunga la scelta più popolare seguita da musica (28%) e poi moda, bellezza e shopping (19%).

La crescita della filosofia dell’on demand è particolarmente evidente tra i consumatori più giovani. Nel segmento 18-24 anni si spendono, in media, 48 € al mese, mentre gli over 65 spendono meno della metà.

Fonte: N26 

Ricordiamo agli utilizzatori che i servizi in abbonamento sono per uso esclusivo dei privati e non sono utilizzabili nelle attività commerciali.