linkedin Ita  |  Eng

MENU

La musica migliora il benessere e la qualità della vita

6 aprile 2022
Studi e ricerche

Una nuova ricerca conferma che cantare, suonare, o ascoltare la musica può migliorare la qualità della vita.

Image

Secondo l'analisi, pubblicata sul Journal of the American Medical Association Network Open, ascoltare e fare musica (cantando, o suonando strumenti) migliora il benessere, misurato quantitativamente attraverso dati standardizzati di indagine sulla qualità della vita correlata alla salute (HRQOL). I benefici sono analoghi a quelli dell'esercizio fisico e della perdita di peso.

La revisione di 26 studi condotti in diversi paesi, tra cui Australia, Regno Unito e Stati Uniti, conferma che la musica può fornire un supporto  clinico significativo alla salute e al benessere mentale.

Sette interventi hanno approfondito la musicoterapia, 10 hanno esaminato l'effetto dell'ascolto della musica, otto hanno analizzato i benefici prodotti dal canto e uno dedicato al gospel.

Secondo gli autori “Sono necessarie ulteriori ricerche per definire gli interventi musicali ottimali e le “dosi” da utilizzare nei vari scenari clinici, anche perché negli studi analizzati emerge una sostanziale variazione individuale nelle risposte alle sollecitazioni musicali".

E aggiungono: “Tutti noi siamo esperti di musica perché abbiamo trascorso migliaia di ore ad ascoltarla, a codificarla nel nostro cervello. C'è da stupirsi se, quando ascoltiamo la musica, succede qualcosa di straordinario?”

Fonte: The Guardian

Leggi anche
Nuovo studio raccomanda l’ascolto di 78 minuti di musica al giorno per il benessere della mente
12/11/2019
Nuovo studio raccomanda l’ascolto di 78 minuti di musica al giorno per il benessere della mente
Secondo uno studio commissionato dal music streaming service Deezer, l’ascolto quotidiano di 78 minuti di musica favorisce l’equilibrio e la salute mentale.
La musica ad alto ritmo è ideale per allenarsi
15/01/2020
La musica ad alto ritmo è ideale per allenarsi
La musica migliora le performance nell’allenamento, in particolare i brani che hanno più di 170 battiti per minuto (bpm).