linkedin Ita  |  Eng

MENU

Ricerca sulla diffusione della musica in store in Italia

26 novembre 2017
Studi e ricerche

La prima ricerca italiana sulla diffusione di contenuti musicali negli spazi pubblici delle attività commerciali è stata presentata alla Milano Music Week 2017.

Image

L’intrattenimento musicale di sottofondo è un elemento importante del marketing mix e del servizio al pubblico e al personale di vendita, ma è  difficile da analizzare e monitorare in quanto coinvolge elementi di natura tecnica, giuridica ed economica. Prima di questa ricerca - commissionata da MCUBE, SCF e SIAE a Demia - i dati sul mercato italiano erano parziali e frammentati.

I ricercatori Demia si sono concentrati su tre macro settori - Punti vendita retail (51% del campione), Pubblici esercizi (34%), Servizi professionali (16%) - con l’obiettivo di:

  • analizzare l’utilizzo dei contenuti musicali nei punti vendita (non appartenenti a Franchising, Grandi catene GDO, negozi dei Centri commerciali)
  • capire quali possano essere gli scenari futuri, i ruoli dei professionisti del settore e delle società di gestione del diritto d’autore.

I dati raccolti tramite 1.026 questionari confermano che, in Italia, la musica viene ancora utilizzata prevalentemente a scopo di intrattenimento, senza sfruttare al meglio le potenzialità in termini di supporto al business (solo il 2% considera la musica uno strumento utile a aumentare le vendite).

Negli USA e nel Regno Unito, ad esempio, la diffusione musicale è decisamente più curata. All’interno di uno stesso punto vendita, vengono spesso diffusi ritmi e sonorità diverse nelle varie aree a seconda della tipologia di prodotto offerto.

Dall’analisi emerge anche che la regolarità nell’acquisto e nell’utilizzo della musica (brani, diritti SIAE e SCF) non è del tutto garantita in Italia e lascia spazio, assieme a coloro che diffondono in streaming da Internet con servizi (che spesso sono acquistati come utenza privata e non business), a una sensibilizzazione sul tema della legalità, anche per non incorrere in sanzioni e multe.

Sintesi dei dati

  • Il 45% dei Punti Vendita aperti al pubblico diffonde contenuti musicali all’interno dei propri spazi (405.000 ne fanno un uso costante, mentre 218.000 diffondono musica saltuariamente)
  • Il 50% lo fa con un intento di intrattenimento più che di vero e proprio sviluppo delle vendite in sinergia con le altre attività di marketing
  • Delle tre categorie analizzate i pubblici esercizi sono i maggiori utilizzatori (59% del campione)
  • 775.000 punti vendita dichiarano di non diffondere alcun contenuto musicale.

Le principali motivazioni dei non utilizzatori di musica di sottofondo sono: scarsa utilità per il proprio business (56%), costo associato (24%), mancanza di attrezzature tecniche (15%), timore che distragga i clienti (13%).

Tra le resistenze ad adottare un sottofondo musicale appare chiaro che la maggioranza assoluta di chi non diffonde contenuti sia da ricondurre a una scarsa consapevolezza dei benefici  indotti dalla creazione di un ambiente accogliente e funzionale alla vendita.

La mancanza di una cultura di marketing e di conoscenza delle procedure contrattuali e legali, in particolare nelle realtà piccole, sono gli ostacoli principali allo sviluppo del mercato.

Contenuti diffusi in store

Anche la scelta su quali contenuti diffondere in Italia è di tipo “tradizionale”. La Radio FM, presumibilmente anche in connessione con il pagamento dell’abbonamento alla radio televisione RAI per fini commerciali e alle abitudini consolidate prima dell’avvento del digitale, rappresenta ancora la scelta primaria per due esercizi commerciali su tre.

Un quarto del campione dichiara di utilizzare dei supporti in cui ha memorizzato la musica selezionata per il proprio pubblico. La costruzione di palinsesti personalizzati coerenti con la propria attività consente di fornire ai clienti e al personale un’atmosfera caratterizzata da uno stile.

Il 51% degli intervistati si è dichiarato d’accordo con la seguente affermazione: “Scegliere la programmazione musicale di un’intera giornata è un lavoro da professionisti”.

Questa idea potrebbe in parte spiegare la scelta di diffondere palinsesti radio e tv nei propri spazi: affidandosi a broadcast si ha la certezza che essi siano curati nella selezione e aggiornati costantemente.

Leggi anche
L'utilizzo della musica in-store in Italia: contenuti, mercato e scenari futuri
29/05/2017
L'utilizzo della musica in-store in Italia: contenuti, mercato e scenari futuri
Nell’ambito della Milano Music Week, presentazione della prima ricerca italiana sull’utilizzo della musica nei punti commerciali.
Music Consumer Insight Report 2018
11/10/2018
Music Consumer Insight Report 2018
IFPI ha pubblicato il Report sul consumo di musica nei principali 20 mercati musicali del mondo (età utenti compresa tra 16 e 64 anni).
Tutte le notizie
Settembre 2022
Io sono cultura 2022: il settore musicale
Io sono cultura 2022: il settore musicale
21.09.22
Nel settore dello spettacolo, l’attività che ha sofferto di più durante i due anni di restrizioni ...
Rai e diritti, anche da SCF azioni legali per recuperare compensi
Rai e diritti, anche da SCF azioni legali per recuperare compensi
12.09.22
Parla il direttore generale Fiorito: "In gioco cifre capaci di incidere sull’intero settore".
Mercato musicale italiano: I semestre 2022
Mercato musicale italiano: I semestre 2022
02.09.22
Nel primo semestre la musica in Italia cresce del 18,33% e supera i 153 milioni di euro di fatturato (dati Deloitte per FIMI).
SCF rinnova il supporto a Credits Due
SCF rinnova il supporto a Credits Due
02.09.22
SCF sostiene la campagna internazionale Credits Due che ha l’obiettivo di aggiornare i processi di rendicontazione dei diritti, migliorandone l’efficacia.
Luglio 2022
Siglato l'accordo tra SCF e Friends&Partners per l'utilizzo del repertorio SCF riprodotto nei concerti
Siglato l'accordo tra SCF e Friends&Partners per l'utilizzo del repertorio SCF riprodotto nei concerti
29.07.22
L’accordo agevola l’utilizzo legale di musica tutelata e di qualità sia come basi playback nel corso ...
Giugno 2022
Medimex: SCF interviene sul tema dei diritti connessi
Medimex: SCF interviene sul tema dei diritti connessi
01.06.22
Il 13 luglio SCF è protagonista di un panel targato Medimex, a Bari, sull’evoluzione dei diritti connessi alla luce dell’attuazione della nuova direttiva europea sul Copyright.
Maggio 2022
Stabilimenti balneari: l'evasione dei diritti musicali supera il 90%
Stabilimenti balneari: l'evasione dei diritti musicali supera il 90%
25.05.22
Una proposta per il rilascio delle concessioni parimenti alle licenze per l'uso della musica
Convenzione 2022 CEI - SCF: adesione Enti Ecclesiastici
Convenzione 2022 CEI - SCF: adesione Enti Ecclesiastici
20.05.22
Qualora non aveste ancora assolto al pagamento del compenso dovuto per l’utilizzo di musica registrata durante le attività organizzate dalla Parrocchia o dai soggetti di natura ecclesiale collegati (p.
Playlist dei marchi moda su Spotify
Playlist dei marchi moda su Spotify
18.05.22
Elle ha pubblicato un articolo in cui Anna Carla Zucca spiega perché sempre più brand stanno lanciando playlist su Spotify.
Note per la rinascita. Alla ricerca del libro perduto
Note per la rinascita. Alla ricerca del libro perduto
15.05.22
Nel corso di un evento organizzato a Palazzo Lombardia, il 13 maggio SCF ha donato CD musicali agli inquilini vittime ...
SCF approva il bilancio 2021 con un +29,5% di incremento nei diritti distribuiti
SCF approva il bilancio 2021 con un +29,5% di incremento nei diritti distribuiti
05.05.22
SCF ha approvato nei giorni scorsi il bilancio 2021 che si è chiuso a 54,9 milioni di diritti distribuiti a soci, mandanti e collecting degli artisti, con una crescita vicina al 30% rispetto al 2020.
Aprile 2022
Nuovo IBAN SCF
Nuovo IBAN SCF
28.04.22
Le coordinate bancarie di SCF, relative ai conti correnti presso Credito Valtellinese, dal 25 aprile 2022 sono cambiate. ...
La musica migliora il benessere e la qualità della vita
La musica migliora il benessere e la qualità della vita
06.04.22
Una nuova ricerca conferma che cantare, suonare, o ascoltare la musica può migliorare la qualità della vita.
Marzo 2022
Global music report 2022
Global music report 2022
30.03.22
Secondo il report IFPI, il mercato discografico mondiale è cresciuto nel 2021 a 25,9 miliardi di dollari (+18,5%).
Impresa comune nel settore dei diritti connessi: Nuovo Imaie e SCF annunciano l’abbandono del progetto
Impresa comune nel settore dei diritti connessi: Nuovo Imaie e SCF annunciano l’abbandono del progetto
28.03.22
I due principali organismi italiani di gestione collettiva (OGC) degli artisti e dei produttori discografici, Nuovo Imaie ...
Musica italiana: forte crescita dell’export nel 2021
Musica italiana: forte crescita dell’export nel 2021
07.03.22
Secondo i dati Deloitte per FIMI, l’industria discografica italiana a livello internazionale nel 2021 ha registrato +66% di entrate da royalty.
Febbraio 2022
Prorogata la scadenza della Campagna associativa SCF
Prorogata la scadenza della Campagna associativa SCF
28.02.22
SCF ha posticipato il termine della campagna 2022 per i compensi Musica d’ambiente dovuti da Esercizi commerciali, Alimentari.
La Corte di Appello di Brescia ribadisce l'obbligatorietà del pagamento dei compensi a SCF
La Corte di Appello di Brescia ribadisce l'obbligatorietà del pagamento dei compensi a SCF
14.02.22
La Corte d’Appello di Brescia ha respinto l’appello proposto da una società attiva nella vendita al dettaglio di abbigliamento, calzature e accessori, avverso la sentenza n.
SCF tutela i brani del Festival di Sanremo
SCF tutela i brani del Festival di Sanremo
01.02.22
Dei 25 brani musicali in concorso al Festival di Sanremo, 24 sono coperti dalla licenza di utilizzo SCF.
Novembre 2021
SCF a Milano Music Week 2021
SCF a Milano Music Week 2021
17.11.21
SCF propone, nell’ambito di Milano Music Week, due incontri di approfondimento il 25 e il 26 novembre.