MENU

Ita  |   Eng

Anche le realtà senza fine di lucro devono richiedere la licenza SCF?

Si! A norma dell’art. 73 L.d.A. i produttori di fonogrammi hanno diritto a un compenso ogni qual volta vi sia una pubblica diffusione del proprio repertorio e tale è da considerarsi anche quella effettuata in circoli o Associazioni Sportive Dilettantistiche, anche quando l’accesso ai locali sia limitato ai soli soci.

Inoltre, indipendentemente dalla veste formale assunta per statuto, lo scopo di lucro è ravvisabile ogni qual volta venga svolta un’attività di impresa avente come finalità ultima l’erogazione a pagamento di servizi collegati, ad esempio all’attività motoria in una palestra o al benessere della persona.

 

Leggi anche
Associazioni sportive dilettanti
Associazioni sportive dilettanti I diritti connessi sono dovuti anche quando la diffusione di musica registrata avviene senza finalità di lucro, ad esempio in occasione di eventi o meeting sportivi gratuiti.
Convenzione CSI - SCF
Convenzione CSI - SCF Il Centro Sportivo Italiano ha sottoscritto a livello nazionale una Convenzione con SCF per la regolarizzazione - a ...
Convenzione CEI - SCF 2018: adesione enti ecclesiastici
Convenzione CEI - SCF 2018: adesione enti ecclesiastici Le parrocchie e gli enti ecclesiastici che utilizzano musica registrata, grazie al rinnovo della Convenzione, usufruiscono di agevolazioni nella determinazione del compenso dovuto ai produttori discografici e agli interpreti.